stabilità rocce

STAP Rocce – Stabilità Pendii in Rocce

STAP Rocce
Stabilità pendii in rocce

stabilità rocce

Il software STAP Rocce (Stabilità Pendii in Rocce) consente di effettuare l’analisi di stabilità di pendii in rocce. È disponibile in una versione estesa che consente di calcolare, in aggiunta, la stabilità di pendii in terreni.

I criteri di rottura adoperati per le rocce sono:
Criterio di rottura Hoek-Brown: caratterizzazione dell’ammasso roccioso;
Criterio di rottura Barton-Bandis: caratterizzazione delle discontinuità.

🇬🇧 STAP Rocce genera la Relazione Tecnica anche in lingua inglese.

METODI DI CALCOLO UTILIZZATI

I metodi di calcolo implementati in STAP Rocce (Software Stabilità Pendii Rocce) sono:

Fellenius
Bishop
Janbu semplificato
Janbu completo
Bell
Morgenstern-Price
Spencer
Sarma
Maksimovic
GLE (General Equilibrium Method)

Per tutti i metodi è possibile eseguire l’analisi di stabilità in condizioni statiche o in presenza di sisma, in quest’ultimo caso secondo due metodi:
– metodo pseudostatico
– metodo dinamico (analisi dinamica col metodo di Newmark)

DATI DI INPUT

Definizione dell’estensione del pendio
Definizione e caratterizzazione della stratigrafica
Definizione e caratterizzazione della falda
Definizione della/e superficie/i di rottura (circolare, spirale logaritmica e generica)
Inserimento dei carichi sul profilo topografico
Inserimento e caratterizzazione degli interventi di stabilizzazione (muri di sostegno, paratie, tiranti, gradoni e terre armate)
Resistenza a compressione monoassiale della roccia
Coefficiente materiale roccia intatta
Qualità ammasso roccioso GSI
Coefficiente di rugosità JRC
Coefficiente di resistenza del giunto JCS
Angolo di attrito di base

RISULTATI

Ad analisi conclusa Rocce (Stabilità Pendii in Rocce) consente la visualizzazione di:
Numero di superfici analizzate
Coefficiente di sicurezza per tutte le superfici analizzate
Valore massimo e minimo del coefficiente di sicurezza e le superfici di scorrimento alle quali si riferiscono
Per ogni superficie analizzata: fattore di sicurezza, volume della superficie di scorrimento e punti di intersezione con il pendi; se la superficie è interessata da interventi di stabilizzazione, il programma visualizza il coefficiente di sicurezza di tutte le “sottosuperfici” individuate dagli interventi stessi
Per ogni striscia selezionata è possibile avere informazioni circa: caratteristiche geometriche riguardanti la massa, coesione ed angolo d’attrito, forza sulla striscia, forze di interstriscia
Variazione del coefficiente di sicurezza in funzione della forza applicata a valle della superficie
Variazione del coefficiente di sicurezza in funzione del livello di falda
Variazione del coefficiente di sicurezza al variare dei parametri del terreno
Variazione del coefficiente di sicurezza al variare della resistenza e della posizione di un generico intervento

NORMATIVE

NTC 2018 Circolare 21 Gennaio 2019 n.7 C.S.LL.PP.NTC 2008 (Norme Tecniche per le Costruzioni) e sue integrazioni
D.M. 88 + D.M. 96

PROMOZIONE D’AUTUNNO
€ 735,00
€ 1.050,00

Release attualmente in distribuzione:
STAP Rocce 16

DOWNLOAD